Skip to content

SCARICARE DEUS SALVE MARIA BASE MUSICALE


    Contents
  1. Deus ti salvet Maria - Wikipedia
  2. Introduzione alla Musica Sarda
  3. POETI RITROVATI, POETI INVENTATI
  4. Oh no, there's been an error

Ecco il Testo (karaoke) della base che vuoi scaricare, il link per effettuare il download di Deus ti salvet Maria (Ave Maria in sardo) – Tazenda & De Andre' di​. Ecco il Testo (karaoke) della base che vuoi scaricare, il link per effettuare il download di Deus ti salvet Maria – (Ave Maria in sardo) Tazenda & Fabrizio De. Ricerca e scarica dei Versioni Strumentali MP3 La versione strumentale di Deus ti salvet maria resa famosa da De Andrè non è attualmente disponibile nel​. Deus ti salvet Maria (noto anche semplicemente come Ave Maria sarda) è un canto devozionale appartenente alla tradizione sarda, scritto nel XVIII secolo dal poeta Bonaventura Licheri (Neoneli, - ). Il testo fu composto (o tradotto​) intorno al ; la trascrizione più antica è Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. Basi per karaoke con testo mid e kar. Tazenda - Deus Ti Salvet blogopress.info · Download · Tazenda - blogopress.info · Download · Tazenda - Domo Mia(​Con.

Nome: deus salve maria base musicale
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:50.81 Megabytes

La regione storica del Meilogu, chiamata anche Mejlogu o Logudoro Meilogu Il Logudoro è stato, nel periodo medioevale, uno dei quattro giudicati che ha avuto come capoluogo prima Porto torres, in seguito Ardara, ed infine Sassari. Oggi possiamo dividere questa regione in tre parti: il Logudoro Turritano, il cosiddetto Sassarese, a nord; il Logudoro Meilogu a ovest; ed il Logudoro Montacuto a est.

In particolare, il Meilogu ha il nome che deriva dal suo posizionamento in Mediu Logu, vale a dire nel cuore del Giudicato. Il Meilogu è caratterizzato da un territorio prevalentemente pianeggiante, che produce cereali, verdure, ortaggi. Sono fiorenti gli allevamenti ovini, da cui deriva la ricca produzione casearia.

Esce "Unu mundu bellissimu" dove i Bertas reinterpretano brani tipici della tradizione sarda da "Tancas serradas a muru" a "A s'andira"; da "No potho reposare" a "Deus ti salvet Maria". L'apparato cromosomico del fare musica dei Bertas e' oggi pienamente contrassegnato da questo gene indelebile. In "Amistade", disco registrato nel , si riconferma la forza di una scelta espressiva che oggi, in tempi di forte attrazione per musiche esotiche e lontane, risulta appetibile anche ad un pubblico di non sardi.

Nel disco ci sono nuove tracce che testimoniano della vitalita' compositiva ed espressiva del gruppo pur in assenza del binomio Costa - Strinna. Il terziario non assume dimensioni rilevanti. Le strutture ricettive offrono la sola possibilità di ristorazione, non di alloggio. Brevi cenni storici Il territorio è stato frequentato fino dal periodo preistorico, ed infatti sulla cima del monte Sant'Antonio si trova un importante insediamento con un santuario federale nuragico.

I nuraghi presenti nel territorio di Siligo sono ben venticinque, con non pochi protonuraghi e almeno sette nuraghi complessi, tra i quali si distinguono i nuraghi collocati ai margini dell'altopiano di s'Aspru. L'abitato sorge durante la dominazione romana, quando vengono realizzati alcuni edifici, in particolare le terme di Mesumundu.

In periodo medioevale, appartiene al giudicato del Logudoro, nella curatoria del Meilogu. A seguito dell'atto di donazione, nel , del Giudice Barisone I, arrivano in questo territorio un gruppo di monaci dell'Abbazia di Montecassino, che prendono possesso della Basilica di Santa Maria in Bubalis, e della Chiesetta ubicata sul monte santo intitolata ai Santi Elia ed Enoch.

Sempre sul monte Sant'Antonio si trovano i resti di un castello medioevale identificato con diversi nomi, fra i quali Cepola, Capula, Crastula. Alla caduta del Giudicato, nel , passa sotto il dominio della famiglia genovese dei Doria. Dalla metà del tredicesimo secolo, il paese viene coinvolto in una serie di lotte di potere tra i Doria, i Malaspina e i Giudici d'Arborea, che si alternano nel governo.

Successivamente, nel , sotto gli spagnoli, Siligo forma la contea di Montesanto che viene ceduta agli Alagon di Montesanto. Passata sotto il governo dei Savoia, nel la sua popolazione partecipa attivamente alle sommosse antifeudali, e il palazzo degli stessi feudatari viene distrutto.

Il paese viene riscattato agli Alagon, ultimi feudatari, nel , con la soppressione del sistema feudale. Principali personaggi nati a Siligo A Siligo sono nati il poeta estemporaneo Gavino Contini, nato nel e morto nel ; l'attrice Rita Livesi, nata nel ; il professor Efisio Arru, nato nel e morto nel , ordinario di Malattie Parassitarie presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Sassari.

Ci sono nati, inoltre, la cantante folk Maria Carta, e lo scrittore Gavino Ledda. Siligo da i natali, nel , a Maria Carta, importante cantante e cantautrice italiana che partecipa a film e rappresentazioni teatrali. In 25 anni di carriera propone al grande pubblico la musica tradizionale della sua terra, ninne nanne, Gosos, canti gregoriani, ecc.

Riesce a portare con successo la musica folk sarda con esibizioni come Deus ti salvet Maria o Dillo, antico ballo sardo. Partecipa a diverse manifestazioni, come Canzonissima nel nella quale canta Amore disisperadu, seconda classificata nel girone della musica folk. Nel vince la Targa Tenco per la musica dialettale. Indimenticabile, nei ultimi anni della sua vita, l'esecuzione di No Potho reposare, live con Andrea Parodi.

Il suo spirito libertario la porta a riprendere numerosi canti libertari, che vanno da Su patriotu sardu a sos feudatarios, l'inno antifeudale di Francesco Ignazio Mannu noto con il suo primo verso Procurade 'e moderare, agli Stornelli dell'esilio, Addio Lugano, Corsicana, l'antico canto dei banditi. Nel scrive il libro di poesie Canto Rituale. Legata alla sua terra, Maria Carta ama anche Roma, città in cui vive per molti anni insieme al suo compagno, il regista Salvatore Laurani, e dove ricopre il ruolo di consigliere comunale dal al per il Partito Comunista Italiano.

Interprete sensibile e dotata di buona presenza scenica, affascina registi come Francis Ford Coppola e Franco Zeffirelli.

Deus ti salvet Maria - Wikipedia

Tiene il suo ultimo concerto a Tolosa, il 30 giugno , dopo il quale, malata da anni di cancro, muore il 22 settembre nella sua casa di Roma. A Siligo nasce nel lo scrittore Gavino Ledda. Apprende il mestiere di pastore, dopo essere stato costretto dalla famiglia ad abbandonare la scuola.

Pastore fino a venti anni, dopo di essersi ribellato al padre che lo vorrebbe costringere con la violenza a fare il pastore, decide di arruolarsi nell'esercito ed ha l'occasione di conoscere un mondo più vasto e di coltivare l'interesse per gli studi.

Nell'arco di soli otto anni compie tutta la formazione scolastica, dalla licenza elementare ai corsi universitari. Nel si laurea in Glottologia e nel insegna negli atenei di Cagliari e Sassari. Nel pubblica il libro Padre padrone: l'educazione di un pastore, che vince il Premio Viareggio ed ottiene uno straordinario successo di pubblico, e nel , nella riduzione cinematografica dei fratelli Taviani, raggiunge un pubblico ancora più vasto, e vince la Palma d'Oro al Festival di Cannes.

Il libro, che è stato tradotto in 47 lingue, narra in chiave autobiografica la sua storia, da quando era un bambino di sei anni sino ai ventiquattro anni compiuti. Narra gli usi e costumi della Sardegna del secondo dopoguerra e propone un'analisi sociale e psicologica del rapporto padre-figlio come padrone-Servitore. Gavino comincia la scuola ma dopo solo un mese il padre lo strappa alla maestra per portarlo a governare le pecore. A 18 anni convince il padre a lasciargli studiare musica, poi entra nell'esercito, ma, poiché occorre la licenza di terza media, riprende a studiare.

Durante un ritorno a casa, Gavino per la prima volta si ribella al padre provocandone il definitivo allontanamento. Le opere successive di Gavino Ledda sono il romanzo Lingua di falce del , ed il racconto Le canne, amiche del mare del Tratto dal romanzo Lingua di falce, nel dirige e interpreta il film Ybris, che ottiene il premio Cinema Nuovo come miglior opera prima alla mostra del Cinema di Venezia.

Il film viene realizzato in due versioni, una cinematografica ed un'altra televisiva più completa in uno sceneggiato trasmesso dalla Rai nel in quattro puntate. In esso lo scrittore ritorna nei suoi luoghi d'origine, ma viene trattato dai suoi compaesani come fosse un estraneo.

Ammalatosi d'ulcera, viene preso da attacchi di delirio durante i quali riceverà le apparizioni rispettivamente degli Amuntadores, folletti della tradizione sarda, che attribuiranno la sua malattia al fatto di essersi allontanato dalle sue tradizioni natie, dell'amico Leonardo da lui trasfigurato in Leonardo da Vinci, e della dea Atena, ma alla fine riuscirà a ritrovare se stesso. Oggi Gavino Ledda vive con una modesta pensione che gli assegna la Legge Bacchelli, la norma varata dallo stato italiano per soccorrere in qualche modo gli artisti anziani che vivono in condizioni disagiate.

Parlando della sua carriera dichiara Non mi interesso dei soldi, sono un artista e tale voglio rimanere, e da anni si batte per la realizzazione di un parco letterario a Siligo, dove si tenta di distruggere l'ambiente con la realizzazione di cave di sabbia. Ma gli ultimi di dicembre la porta della casa nella quale abita è stata crivellata, in segno di ammonimento, da numerosi colpi di fucile.

Visita del cento del paese L'abitato si distende su un colle affacciato in una vasta area pianeggiante ricca di vulcani spenti. Arriviamo a Siligo con la SP41bis che, alle prime case dell'abitato, arriva a una rotonda. Dedicato alla cantante a cui il paese ha dato i natali, che, come nella più antica tradizione isolana, è stato realizzato utilizzando le materie prime disponibili in loco ovvero, il granito sardo.

Il Museo si sviluppa su due livelli ed è suddiviso in cinque diverse zone tematiche, ciascuna delle quali raccoglie, grazie anche al contributo di filmati audio e video, le testimonianze della molteplice attività di Maria Carta. Qui, a trecento metri da dove avevamo imboccato la via Vittorio Emanuele, al civico numero 32, alla destra della strada, si trova l'edificio che ospita il Municipio di Siligo, con la sua sede ed i principali uffici che forniscono i loro servizi ai cittadini ed alle attività produttive.

Dalla piazza Maria Carta si scende con una scalinata nella piazza sottostante affacciata sulla via Enrico Berlinguer, nella quale è presente sulla destra l'edificio che ospita il più grande Planetario della Sardegna, un polo importante nella ricerca astronomica, con una cupole del diametro di cinque metri, capace di accogliere gruppi di circa trenta persone.

Il Planetario è gestito dalla Società Astronomica Turritana di Sassari, alla quale si deve anche l'Osservatorio Astronomico situato in località Coas, che visiteremo più avanti. La chiesa parrocchiale di Santa Vittoria vergine e martire Proseguendo lungo la via Vittorio Emanuele verso sud est, dopo centocinquanta metri, al civico numero 63, sulla sinistra della strada, è possibile vedere la Chiesa di Santa Vittoria vergine e martire, che è la Parrocchiale di Siligo, edificata alla fine del quindicesimo secolo, con una tipica struttura tardogotica.

Del suo primo impianto rimane il presbiterio, con volta a crociera, con nervature e gemma pendula, e rimane anche la torre campanaria. Ha subito in seguito qualche cambiamento, dato che nella prima metà del diciassettesimo secolo è stata ristrutturata, la navata è stata sostituita con quella attuale, con volta a botte, aperta su due navatelle laterali con archi a tutto sesto. È stata ricostruita anche la facciata, ma sono rimasti invariati il portale, tipico del tardo barocco, ed il campanile di stile spagnolo del Seicento.

Nei cataloghi degli studenti del Seminario di Cagliari c era la risposta a tutte le domande sul poeta di Neoneli. Un fratel Buenaventura Liqueri, Leonelensis Leunelli è la pronuncia locale di Neoneli , nato il 19 gennaio , entrava nella Società di Gesù il 7 gennaio , a pochi giorni dal compimento del 17 anno. Sappiamo dalla scheda del Catalogus primus Seminarij Calaritani Societatis Jesu anni che le sue forze fisiche sono mediocri, che è al terzo anno di Filosofia, che ha preso i voti ordinari il 17 gennaio , ha insegnato grammatica ai più piccoli per un anno, nel è prefetto degli alunni.

Dai documenti della Compagnia, e in particolare dal supplemento al catalogo della provincia dell anno , sappiamo inoltre che, ancora da scolaro, ma stavolta nel Collegio di Sassari, ha lasciato la Società il 4 settembre Bonaventura Licheri non è quindi diventato Padre gesuita, anche se la Compagnia ha avuto un ruolo determinante nella sua formazione culturale.

Non sappiamo quale grado di parentela legasse Bonaventura a personaggi di rilievo del clero di cui certamente godette la protezione. E registrato spesso col nome di Sebastiano Bonaventura Negli Stati delle anime del villaggio di Neoneli egli ricompare, dopo le attestazioni dell infanzia anni e , di nuovo proprio nel ed è incluso nello stato di famiglia del padre, Antonio Angelo Licheri.

Costui è una delle persone più in vista del villaggio. Proviene da Ghilarza, centro più popoloso e importante in quella zona della Sardegna centrale. Il padre di Bonaventura arriva a Neoneli come nipote del Rettore Francesco Fadda e sposa Maria Dehias, di una ricca famiglia del luogo.

Introduzione alla Musica Sarda

In qualità di scrivente è probabile che svolga funzioni burocratiche in relazione con il Marchesato cui Neoneli appartiene e con i vasti interessi ecclesiastici. Per qualche tempo infatti non è presente nel villaggio, perché la sua famiglia non risulta negli elenchi scritti dai curati di Neoneli.

E certamente sindaco nel e la sua risulta sempre ai primi posti, tra le famiglie, per rango e numero di servitori. Bonaventura è dunque di nuovo a casa nel vive col padre e tre servi, due maschi e una femmina.

POETI RITROVATI, POETI INVENTATI

La madre era morta da anni, nell agosto del , lasciando eredi lui e un fratello Bachis, di cui non abbiamo altra notizia. Con questa morte potrebbe avere un collegamento la sua entrata, l anno successivo, nel collegio gesuitico, abbastanza tardiva, visto che ha già 16 anni. Tanto più che il padre aveva lasciato Neoneli e si era risposato nel con una Antonia Carta di Ghilarza, figlia del notaio Diego Carta. Il matrimonio non dura molto, poiché la seconda moglie muore nel e il padre rimane solo.

Bonaventura è l ultimo maschio della famiglia dopo la morte, non sappiamo quando avvenuta, del fratello Bachis. Essi esercitano il potere amministrativo e giudiziario in nome dei feudatari che vivono in Spagna.

Dal matrimonio non sembra siano nati dei figli. Non è nobile ed è la moglie legittima di un chierico coniugato, non l amante di un Gesuita missionario.

Ancora una volta sono confermate le informazioni già note allo Spano.

Hai letto questo? SCARICA APTOIDE PER IOS

Nonostante la riduzione allo stato laicale e il matrimonio, Bonaventura mantiene uno stretto legame col mondo ecclesiastico. Non solo gode dei privilegi spettanti a un chierico coniugato, ma riscuote ogni sei mesi una pensione ecclesiastica di 25 ducati, provento di un beneficio impiantato sui frutti della rettoria del paese.

Metà chierico, metà laico sposato, con una condizione sociale che lo colloca in qualcosa di simile a una piccola nobiltà paesana, Bonaventura ripercorre la carriera del padre e del suocero. Costui si è schierato nella lotta per la successione spagnola con Carlo d Austria e risiede a Vienna.

Bonaventura rimane Ufficiale sino alla seconda metà del Negli anni successivi si occupa, non avendo figli, e per la fiducia che in lui ripone il ceto benestante del villaggio, dell amministrazione del patrimonio di minori rimasti orfani e affidati alla sua tutela.

Si sa ben poco d altro: come signore di paese con qualche capitale a disposizione affida greggi e armenti a pastori che si offrono di condurglieli a cumone, cioè con una divisione dei frutti alla scadenza di contratto Bonaventura Licheri muore il 10 maggio a 66 anni.

Nel testamento ogni suo 26 Il fatto che con questo nome compaia nell opera di Emanuele Scano, Saggio critico-storico sulla poesia dialettale sarda. Cagliari-Sassari, Prem. Tipografico G. Nel primo foglio del manoscritto una dicitura epigrafica dichiarava appartenenti al Licheri le poesie ricordate e dedicate alla Vergine.

La moglie Cipriana Polla, di cui non si fa cenno nelle volontà riportate nell atto di morte, morirà a sua volta nel , a 65 anni. Sono gli anni della fioritura della poesia religiosa sarda. Basta citare due nomi: Maurizio Carrus, il sarto di San Vero Milis morto nel a 75 anni, autore di un importante Passione e di libri di devozione di Confraternite che contengono gran numero di gosos; negli stessi anni, i primi decenni del Settecento, Giovanni Delogu Ibba, nato nel , compone il suo Index Libri Vitae, pubblicato nel I testi più noti di Bonaventura, presenti nella raccolta dello Spano, sono inoltre attestati già nel in forma anonima nel repertorio della Confraternita dello Spirito Santo di Cabras.

I Capitula, gli Statuti di questo sodalizio, andati dispersi come tanti documenti delle Parrocchie e dei Comuni sardi, sono stati fortunatamente ritrovati e sono oggi conservati in una Biblioteca privata dell Oristanese, sotto la tutela della Sovrintendenza ai Beni Archivistici della Sardegna Il libretto manoscritto è opera dello studente di teologia oristanese Antioco Atzory che dichiara nell ultima pagina di averlo scritto all età di 22 anni per incarico del Priore Salvatore Fogheri, fabro lignario et ferrario, ex oppido Cabras, nell anno L attività di copista nell oristanese da parte di Antioco Atzory, nel frattempo diventato sacerdote, è confermata dai Capitulos della Confraternita del Rosario di Tramatza, scritti dae su reverendu Antiogu Attori de Oristanis sende Priore Juanne Caria su annu de La presenza dei gosos dell Addolorata in forma anonima negli Statuti scritti nell anno porta a rendere ancora più plausibile una collocazione del suo autore all inizio del secolo e non negli anni immediatamente precedenti.

Nella sua Commedia de la sacratissima Passion, rappresentata per la prima volta nel , la Vergine si rivolge al pubblico, dopo il congedo dal Figlio per chiedere: Non mi llamedes como pius Maria Et nen mancu de gracias piena, Llamademi mare de agonia De dolores, tristuras e de penas. L opera del primo è quindi ben conosciuta sin dagli anni Venti del Settecento.

Non abbiamo quindi alcun documento su un Bonaventura Licheri identificabile col personaggio indicato dal Bonu e dai fratelli Cau, mentre ne abbiamo trovato uno che coincide col profilo delineato dal canonico Spano, tranne che per l attribuzione del suo distacco dalla vita religiosa alla soppressione dell Ordine.

Se possiamo ritenere che il Bonu sia giunto a conclusioni erronee in base a dati mal interpretati e a suggestioni leggendarie, cosa dobbiamo pensare delle opere poetiche inedite pubblicate nel e attribuite a Bonaventura Licheri? Come dobbiamo giudicare le poesie pubblicate in Deus ti salvet, Maria, al momento l unica prova della esistenza di un Bonaventura Licheri vissuto dal al , a- mante di Cipriana Polla e compagno del Vassallo?

Ulteriore attestazione dell attività dell Atzori si ha in un volumetto datato custodito presso la medesima biblioteca privata. Il lavoro, firmato col solo cognome, è commissionato da una Confraternita del Rosario di un villaggio che ignoriamo. La somiglianza tra Carrus e Licheri è notevole e meriterebbe un approfondimento.

I contatti di Bonaventura Licheri con Oristano sono testimoniati da un atto del 10 marzo , scritto dal notaio sanverese, residente a Oristano, Diego Pinna Caria. Chi presenta i testi ritrovati non si preoccupa di spiegare il fatto che opere scritte negli anni tra il e il non potevano avere quella grafia.

E un epoca in cui l italiano in Sardegna è praticamente sconosciuto e il modello grafico è ancora offerto dal castigliano, raramente dal latino. Troveremo quindi scritto, ad esempio, nei Capitula di Cabras del Pro quie est custu corrutu? Ed ecco invece un esempio tratto dal volume pubblicato dai Tenores di Neoneli: Muda che una losa Est sa cresia gremida Arbor eterna vida, una funtana.. In s umanu caminu, cara e biancu lizu, chi m as postu fastizu pro aer sos votos. Mai ci è capitato di vedere scritto zu, ma giu in figiu, ligiu, fastigiu.

Sorprendente soprattutto il fatto che solo quelle peculiarità si siano salvate dal lavoro di revisione dei testi, qualora ci fosse un originale autentico, durante le varie trascrizioni.

Si deve supporre, infatti, che chi ha copiato questi testi si sia preoccupato di cancellare qualsiasi traccia della grafia settecentesca, di cui, si badi bene, non rimane proprio alcuna traccia, e abbia invece conservato gli elementi neonelesi. Eliano Cau ritiene di trovarsi di fronte alle scelte autentiche dell autore e che si tratti, da parte sua, di un voluto adeguamento alla grafia italiana.

Oh no, there's been an error

L esame materiale della fonte è impossibile, perché si dichiara trattarsi di una trascrizione di cui non si dice, né si cerca, l autore. Certo essa è moderna, visto che si è usata la macchina da scrivere. D altra parte qualsiasi controllo è reso difficile da una scarsa accessibilità, non solo dei documenti, ma anche dell opera stessa che circola in modo semiclandestino.

Si tratta di un analisi tutta da fare con gli strumenti filologici opportuni. Ma un primo sguardo consente di farsi un opinione sufficientemente motivata: l opera poetica raccolta in Deus ti salvet, Maria non risale al Settecento ma crediamo sia stata scritta nell ultimo secolo. Ed ecco fiorire iniziative provocate da una riscoperta di elementi etnografici, soprattutto maschere carnevalesche, che sembrano trovare l unico sostegno nei versi del presunto Bonaventura Licheri.

Sembra opportuno riportare la traduzione, poiché si dovrebbe spiegare un gremida sardo per rendere l italiano gremita : Muta come tomba, la chiesa gremita: albero di vita eterna, una sorgente lungo il cammino della vita, viso di bianco giglio, tu mi hai turbato perché ho preso i voti. Il documento, ritrovato di recente a Ortueri, nella casa del compianto Raimondo Bonu, si tratta di un atobios composizione poetica scritto nel dal padre Bonaventura Licheri, noto soprattutto per le sue composizioni a carattere sacro che ancora si cantano in tutta la Sardegna durante la Settimana Santa.

La composizione porta il titolo Atobios Santu Bastianu ed ecco quello che il padre Licheri scrisse in sardo sugli ossudus