Skip to content

IL CUD DELLA PENSIONE SCARICARE


    Il servizio consente di visualizzare, scaricare e stampare il modello I pensionati possono utilizzare anche il servizio Cedolino della pensione. L'Inps rende disponibile in modalità telematica la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, pensione e assimilati (CUD) direttamente sul portale web. CUD. Come richiedere il CUD di un pensionato INPS. 1. Tramite il sito INPS. L' operatore telefonico chiederà i dati del titolare di pensione, il codice fiscale e. La certificazione unica che ha sostituito il Cud, che certifica i redditi da lavoro dipendente, autonomo o da pensione percepiti nell'anno precedente è. CU INPS , modalità di rilascio della certificazione unica: ecco come visualizzare e scaricare l'ex CUD sul sito dell'Istituto.

    Nome: il cud della pensione
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file:12.49 MB

    Cenni storici[ modifica modifica wikitesto ] Fu introdotto col nome di CUD certificato unico dipendente dall'art. Prima della sua introduzione i redditi erano certificati con il modello , per i lavoratori dipendenti, e con il modello , per i pensionati. A partire dal ha cambiato nome in certificazione unica e include anche redditi da lavoro autonomo o redditi diversi.

    A differenza del modello , nel CU sono certificati anche i dati previdenziali relativi agli imponibili previdenziali, i contributi trattenuti ai fini della pensione. Esso riepiloga i redditi corrisposti dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico nell'arco di un anno solare.

    Al modello sono allegate le schede per il versamento eventuale, a discrezione del contribuente relative al cinque per mille e all' otto per mille. È necessario per effettuare la denuncia dei redditi con il modello o il modello unificato compensativo. Entro il mese di febbraio dell'anno successivo, il sostituto d'imposta effettua il conguaglio fiscale , cioè il conguaglio tra l' IRPEF trattenuta nel corso dell'anno e quella dovuta secondo la normativa fiscale.

    Comunicazione Periodica annuale per la dichiarazione dei redditi | Amundi | SecondaPensione

    La Certificazione Unica Inps è il nuovo modello CUD che l'Istituto deve consegnare ai pensionati Inps, ai percettori di prestazioni a sostegno del reddito nonché ai titolari di trattamenti previdenziali e assistenziali, al fine di certificare i redditi da loro percepiti nel corso dell'anno precedente, per cui , in quanto erogati direttamente dall'Inps.

    Ricordiamo che il modello Cu , serve ai fini della presentazione della dichiarazione dei redditi Certificazione unica Inps: quando disponibile Certificazione unica Inps come funziona?

    Il cud , è quindi uno dei documenti obbligatori che devono presentati dal contribuente per la compilazione del o Unico o per l'elaborazione del precompilato Inps.

    Certificazione unica Inps online come ottenerla? Facciamo, allora, un breve riassunto della prima parte, prima di passare al secondo e, speriamo, conclusivo episodio.

    Con la circolare n. Nei due comunicati sono stati illustrati anche gli strumenti a disposizione dei cittadini per ottenere la certificazione utile per la presentazione della dichiarazione dei redditi. L'UICI ha tempestivamente dato ampio risalto alla novità, sia attraverso la stampa associativa, sia tramite i messaggi e le newsletter delle Sezioni Provinciali, in modo da garantire una capillare diffusione tra i minorati della vista anziani.

    Il 13 marzo è "andata in onda" la seconda puntata: l'ente previdenziale ha integrato la circolare n.

    Chi ha la disponibilità di un'indirizzo di posta elettronica, anche non certificata, potrà chiedere la certificazione reddituale, inviando una e-mail all'indirizzo richiestaCUD postacert. In altre parole, il pensionato, aiutato da un familiare se non è in grado di utilizzare gli strumenti informatici, dovrà redigere la richiesta a mano o con un programma di videoscrittura, firmarla, digitalizzarla, cioè passare allo scanner l'istanza ed il documento di riconoscimento, e, finalmente, inviare il tutto all'indirizzo mail sopra indicato, attendendo la risposta, i cui tempi di evasione non sono specificati.

    Come nella precedente puntata, una serie di interrogativi sorge ancora una volta spontanea: praticamente tutte le famiglie d'Italia hanno tra i loro componenti una o più persone anziane; allora, perché non è stata prevista, fin dall'inizio, la possibilità di richiedere il CUD via posta elettronica ordinaria, dato che, in genere, un figlio, un nipote o un altro congiunto possiedono un indirizzo e-mail dal quale spedire la richiesta?

    Ma, più in generale, viene da chiedersi: i costi del personale addetto alla spedizione dei CUD, sottratto ad altre attività, del numero verde, che, come tutti sappiamo, prevede l'addebito delle chiamate al ricevente, delle spedizioni cartacee tramite gli uffici postali, nonché le spese accessorie, non risulteranno, a conti fatti, superiori a quelle che l'Istituto avrebbe sostenuto spedendo il CUD a tutti, come è avvenuto fino all'anno scorso?

    Piuttosto che creare confusione tra persone che già hanno difficoltà a districarsi tra i mille adempimenti della vita quotidiana, non sarebbe risultato più economico bloccare la spedizione automatica della certificazione reddituale solo a coloro che siano già in possesso dell'abilitazione ai servizi telematici dell'INPS, lanciando, nel contempo, una campagna d'informazione sui vantaggi dell'informatizzazione, finalizzata a convincere i pigri e gli indecisi a richiedere il PIN?

    Ancora una volta l'innovazione tecnologica italiana passa attraverso confusione ed incertezze, coinvolgendo, o, meglio, travolgendo i cittadini più fragili.